martedì 3 novembre 2009

BLUSH a Lucca Comics

E allora, il report annuale di Lucca Comics…
Inizio a notare che dal 2007 – da quando fu pubblicato IDJ – e con il passare degli anni, circoscrivo sempre di più la mia area d’azione nella manifestazione!
Ogni tanto mi è capitato di aprire la mappa di Lucca C&G e vedere che in effetti non mi sono mossa granchè… A parte il padiglione editori a Piazza Napoleone, dove entravo e uscivo – per fumarmi una sigaretta in compagnia o per mangiare – di continuo, mi sono resa conto che ho gironzolato anche e solo a Lucca Junior, al Padiglione editori a Piazza S. Michele e al Palazzo Ducale per le esposizioni. Insomma, non ne vado fiera. Da parte mia, avrei una giustificazione che va oltre il mio impegno a trascorrere la maggior parte del mio tempo dai Tunuè: un doloroso mal di schiena si è impossessato del mio cervello e mi suggeriva di starmene seduta buona il più possibile.
Eppure, l’umanità che ho trovato fra le mie quattro mura la sento sempre più intensa, mi è capitato di volere un gran bene a qualcuno, o di sentirmi dire certe cose che, se fossi stata in un fumetto, ci sarebbe stata una vignetta con il mio viso stupito e accanto l’onomatopeia BLUSH.

29 OTTOBRE, giovedì. Reduce dalla sveglia delle 5.30, riesco ad arrivare di buon mattino a Lucca. Mi accorgo che all’interno del padiglione di piazza Napoleone lo stand Tunuè si trova dalla parte opposta rispetto al 2008, cioè, nella parte più lontana rispetto all’ingresso principale. Insomma, c’è il pericolo che la maggior parte dei visitatori giunga a noi solo alla fine…



Non siamo ancora in molti, gli autori allo stand. Oltre me, solo Paco Roca e Gud.
Una nuova uscita della Tunué: la collana album, tra cui anche quello intitolato a me. Una specie di book tascabile, davvero carino.
Approfittando dei toni ancora bassi, faccio un giro per i vari stand, accompagnata dall’impressione che la “concorrenza” sia molto aumentata. Vedo un mucchio di roba che vorrei comprare, ma decido di rimandare tutti i miei acquisti al weekend – così, senza un motivo preciso. Giusto il tempo di ricevere una telefonata nel pomeriggio dal mio Giuseppe e sapere che l’indomani sarebbe andato a pagare anche da parte mia quasi duecento euro per una spesa burocratica imprevista che riguarda la nostra casetta a Pavia.
Ad ogni modo, trascorro questa prima giornata con una certa serenità e senso di beatitudine, salutando un po’ di persone ai vari stand. Incontro spesso Francesca Follini, e ogni volta abbiamo qualcosa di cui chiacchierare.
C’è anche il mio amico Simone Campisano, che gironzola per Lucca. Ci incontriamo spesso e alla fine prendiamo una birrozza insieme. Mi racconta della sua bella esperienza con il primo “Workshop Intensivo di Teoria e Pratica del Fumetto per giovani autori non professionisti”. Sono quelle occasioni di cui è una fortuna poter approfittare per primi. Sono contenta per lui!
La sera, dopo le sette, la schiena comincia a farmi male. Ops. Era successo anche un anno fa, ma mi ero stupidamente convinta che non fosse una cosa di cui preoccuparmi seriamente. Che cos’è che ha Lucca di particolare che me lo procura? La forma delle sedie? L’altezza dei tavoli?... Ad ogni modo, presto diventa insopportabile. Desidero solo avere la possibilità di avere un pezzo di pavimento tutto per me per fare un po’ di stretching. Per farla breve, andare al B&B che hanno prenotato i Tunuè. Ma prima, andiamo tutti ad assistere alla premiazione Gran Guinigi al Teatro del Giglio.
Sapevo che quest’anno non ci sarebbe stato il buffet – ahimè – e forse per farlo dimenticare meglio è stata scelta una location più spettacolare, ma la premiazione mi ha lasciata piuttosto delusa, sia per i premi che per l’organizzazione… Ne parlano a questo articolo:
http://www.loschermo.it/articolo.php?idart=22559.
Per quanto riguarda l’assegnazione dei premi, poi, mi trovo d’accordo con Claudio Stassi…
http://stassiclaudio.blogspot.com/2009/11/gran-guinigi-2009.html
… e aggiungo che, prima di procedere ai nominati, avrebbero potuto indicare una rosa di candidati. Proprio quest’anno che c’è stato un aumento della produzione anche da parte di bravi autori italiani… Per esempio, abbiamo saputo da Marco Corona – uno dei giurati - che un titolo Tunuè, “Nessun Ricordo” di Giovanni Marchese e Luca Patanè, era arrivato piuttosto in alto. Per loro, se questa informazione fosse arrivata perlomeno al pubblico della sala, sarebbe stata una bella soddisfazione.
Novità… è stato istituito un premio da parte della Repubblica Italiana a un autore di fumetti, Sergio Toppi, quest’anno. Non so bene in che cosa dovesse consistere, ma speriamo che in futuro decidano di convertirlo anche in una somma di denaro che male non farebbe ai fumettisti…
Dopo la premiazione, siamo andati al B&B. Abbiamo cenato con un buon piatto di pasta col tonno, e dopo siamo rimasti solo in quattro. Davanti ai nostri bicchieri di vino che si andavano svuotando e riempiendo, io, Gud e i miei editori maschietti, Massimiliano e Emanuele, abbiamo iniziato a discutere per ore, mostrando aspetti diversi nei pareri e nei punti di vista di editori e autori. Mi sono ritrovata ad ascoltare molto e a parlare poco: il vino mi aveva fatto passare il senso di beatitudine e il percorso che ho davanti come fumettista mi sembrava di colpo troppo lungo e ingrato. Forse ho perfino straparlato, nei pochi momenti in cui ho aperto bocca. Ma alla fine, il confronto è stato molto utile. Ci credo, nei Tunué.

30 OTTOBRE, venerdì. Al B&B Tunuè, entrano silenziosamente nella mia camera i maschietti armati di cuscini per dare la sveglia a me e a Concetta. Ma io sono già sveglia, e reagisco scalciando e facendo roteare il mio cuscino su di loro.
Cominciano ad arrivare un po’ di personaggi allo stand dei Tunuè, tra cui alcuni che non avevo mai incontrato, Stefano Piccoli e Marco Pellitteri (un altro siciliano!).
Qualcuno mi dice che hanno pubblicato sulla fotogallery di Lucca Comics questa mia foto, intitolata “Paola Lonatella”.
A pranzo, passo un po’ di tempo con una mia amica, Francesca, che abita a Pescia, poco distante da Lucca: mi ha ospitato lei, un paio di volte, nel 2005 e nel 2006, seguendo i miei esordi. Ci siamo incontrate dopo tre anni! Mi ha fatto davvero tanto piacere ascoltarla e poterle regalare il mio miglior frutto, Prospettive.
Alle 16 vado allo Showcase di Vittorio Giardino. Dopo, aspetto di regalare anche a lui una copia di Prospettive allo stand Edizioni del Grifo, sopportando qualsiasi mal di schiena pur di potergli parlare un po’. E in effetti lo abbiamo fatto. Ogni cinque minuti io dicevo “Ti accompagno”, e conservo un ricordo bellissimo della scorta che gli ho fatto fino all’ingresso del suo hotel. E inizio a rendermi davvero conto di alcune cose … tra le altre, che sono fortunata ad avere un fidanzato che capisce di fumetti e che nel mio lavoro mi è sempre vicino, che dovrei essere felice del fatto che il mio editore mi ha sempre lasciata molto libera di esprimermi e che ci vuole del tempo per tutti, per raggiungere certi risultati nel disegno.
Dopo la chiusura della manifestazione, siamo tornati al B&B per il party Tunuè. Io la chiamavo fiesta, anche a ragione di tutte le persone che parlavano in spagnolo presenti. Non so bene com’è stato possibile, ma quella casa si è riempita di tanta gente. Credo che ad un certo punto fossimo anche in quaranta, là dentro. Questa volta il vino mi è preso proprio bene: ero allegrotta, ho tirato fuori il mio umorismo, mi sono sentita stimata e voluta bene, mi sono proprio divertita. Abbiamo continuato la serata alla festa dei 30 anni della scuola Internazionale di Comics, e anche lì la compagnia è stata molto piacevole. Soltanto di tanto in tanto, mi rendevo conto la schiena era davvero dolorante e ho pensato che dovrò seriamente farmi vedere da un medico, al mio ritorno a Pavia.

31 OTTOBRE, sabato. Al risveglio, trovo al B&B Tunuè un po’ di persone che hanno passato la notte a dormire per terra, con sacchi a pelo e piumini. Vengo a sapere da Giovanni Marchese che una delle ragazze ha urlato due volte nel sonno. Faccio colazione a un bar con una delle mitiche paste di riso che mi piacciono tanto.
Acquisto i primi fumetti: dai Tunué, il nuovo libro di Paco Roca, “Le strade di sabbia”; da Coconino, “Come un guanto di velluto forgiato nel ferro” di Daniel Clowes, “Lo scontro quotidiano 2” di Manu Lacernet e “Signorina Else” di Manuel Fior… ripasso più volte nella speranza di trovare Igort, a volte aspetto parecchi minuti, ma è una di quelle giornate in cui mi sento in soggezione o che mi sembra davvero troppo impegnato . A ora di pranzo, uno studente dell’Università di Verona mi intervista su Prospettive e registra tutte le mie divagazioni sull’argomento: le diverse rappresentazioni che vari autori e autrici di fumetti hanno saputo dare di località e città italiane e di come lo "sfondo" abbia acquistato una grande importanza nel fumetto, in alcuni casi pari a quella dei personaggi. Ci sediamo a parlare sulle mura di Lucca, godendo del bel tempo. La zona dei cosplayers è da un’altra parte, ma ne vedo qualcuno che mi piace. Mi faccio una foto con l’omino di marzapane di Shreck.
Nel pomeriggio, viene a cercarmi una lettrice appassionata dei miei libri. È una donna adulta di nome Laura, il suo compagno le sta vicino e condivide con poche parole il suo entusiasmo. Mi fa tenerezza. Acconsento a fargli il ritratto su un cartoncino nero, grande quasi quanto un A4. In quel momento, allo stand Tunuè non c’è spazio per tutti gli autori presenti, così mi metto fuori. Simone si siede accanto a me, va e torna, e io sono ancora lì a disegnare. “Spicciati!” mi dice.
La sera, ceniamo ancora al B&B con pasta alla carbonara – si improvvisa cuoco anche Luca Russo - , e siamo ancora in tanti. All’improvviso, una sopresa: mi telefonano i miei amici fumettisti catanesi Kanjano & Ferro, mi dicono che sono appena arrivati a Lucca. Dopo cena, decido di raggiungerli a Piazza Frediano. Baci, abbracci, come stai, che mi racconti, com’è stata Lucca finora, cavolate varie… Mi dicono che sono venuti soprattutto per promuovere il loro fumetto/carnet di viaggio “Europa 2009 d.c.”, di cui le prime 31 pagine su
http://www.kanjano.org/2007/?p=324.
Prendiamo la macchina e continuiamo la serata fuori Lucca, in un locale che si chiama “Prodotto non conforme” e c’è una bella atmosfera familiare. Prendiamo tutti una “bomba” (rum, caffè, bacardi, zucchero di canna, scorzetta di limone) che mi fa passare il sonno di colpo. Finiamo sul retro del locale con il proprietario che ci mostra il suo bellissimo furgone Volkswagen.
Torno al B&B alle tre, ma per fortuna Concetta riesce a sentire che la chiamo sul cellulare per farmi aprire la porta…

1 NOVEMBRE, domenica, ultimo giorno. Decido di vivere in modo più fruttuoso il mio soggiorno a Lucca, così vado un po’ in giro a consegnare i miei cv come letterista. Pochi, rispetto a quelli che ho in borsa, ma è pur sempre un inizio.
Scopro che sulla Gazzetta dello Sport, a pagina 40, è uscito un articolo che parla dei Tunué e anche di me. Evviva!
Ripassa dallo stand l’ammiratrice di nome Laura e, per ringraziarmi del ritratto, mi regala un pacco di biscotti tipici Veneziani. Incredibile…
Disegno un po’ allo stand, ma il tempo inizia a stringere. Andrò via verso le 16.30, in treno.
Fino all’ultimo minuto a Lucca, continuo a ripassare allo stand Coconino, e aspetto ancora Igort, ma lo vedo solo per pochi minuti, e mi sembra sempre impegnatissimo: dopotutto è l’ultimo giorno di fiera anche per lui, mi riferisce Davide Reviati. Se il tempo stringe per me, penso, figuriamoci per lui. Ad ogni modo, l’attesa è sollevata dalla bella chiacchierata con Davide, e dai suoi suggerimenti. Me lo segnala lui, e compro il nuovo fumetto di Andrea Bruno, “Sabato Tregua”, un volume di grande formato, 30x42. Poi, mi deciderò a scrivere una mail a Igort, per quello che avrei voluto dirgli.Per questioni di lavoro e di amicizia vado un paio di volte allo stand Kappa Edizioni… Il loro catalogo mi piace sempre di più. Sono contenta di parlare con Vincenzo Sarno, Giovanni Mattioli, Vanna Vinci e Andrea Accardi. Concludo la mia giornata con un paio di altri BLUSH...

5 commenti:

simonecampisano ha detto...

Evviva la fiesta e il sigaro dell'amicizia!

Anonimo ha detto...

che bellooooooooooooooooo

Francy ha detto...

..è sempre un piacere trovare qualcosa di cui chiacchierare con te, Paola!!
bacio, alla prossima! :)
Francy

paola cannatella ha detto...

Ciao cara! Ancora non ci posso credere che alla fiesta c'eri anche tu e non ci siamo viste!!! Ma quanti eravamo? Un bacio grande anche a te!

Lucio Perrimezzi ha detto...

Viva il sigaro dell'amicizia...però in verità mi domando e dico: chi sono quei due balordi ripsettivamente con la maglia di Edge e della DX che importunano in maniera indecorosa pezzi da 90 come il Marchese e Paola?
MAH, sinceramente penso che certi soggetti andrebbero presi a fucilate per strada senza pietà.
:)

PS: Ciao Paolè - sono un pessimo blogger ma, insomma, andando a zonzo tra vari blog atteggioni (tipo quello della Follini :°D)son finito qua e ho pensato di farti un saluto. A presto!